Ogni santa volta tutto ciò.

Spesso e volentieri, soprattutto quando abbiamo fretta procastiniamo il lavoro per la rottura di scrivere sempre gli stessi comandi.

Lo scopo di questo articolo è di velocizzare il piu possibile l’accesso ssh al nostro server remoto. Ogni tasto non premuto sulla tastiera è tempo risparmiato. Supponiamo di avere un pc client con linux installato (faccio riferimento a Debian o Ubuntu).

Il primo passo da fare, è quello di creare una chiave pubblica che installeremo sia sul server che sul nostro pc. In questo modo eviteremo di dover scrivere ogni volta la password al momento del login.

Supponiamo di avere quindi, ad esempio, un raspberry con un server LAMP installato.

  •  Creiamo una chiave pubblica.

Dalla nostra home spostiamoci con il terminale nella cartella .ssh quindi

e creiamo la chiave:

e rispondete si a tutte le domande che vi vengono poste, inserendo quando richiesto la password. L’output sarà una cosa di questo genere:

La chiave privata sta in id_rsa, mentre quella pubblica sta in id_rsa.pub.

  • Installiamo la chiave pubblica

A questo punto ci manca da copiare la chiave pubblica all’interno del server:

dove dancorte è il nome utente e 192.168.1.3 è l’ip del server.

Installando la stessa chiave privata, generata prima in ogni client possiamo automatizzare tutti i nostri client.

  • Il file config di ssh.

Facciamo un ulteriore passetto in avanti. Apriamo il file config all’interno di .ssh:

e scriviamoci dentro queste poche righe:

Salviamo il file e vediamo la magia finita con il comando

a questo punto ci collegheremo al nostro server semplicemente scrivendo questo comando, senza dover ricordarci IP (ovviamente se lo avete impostato statico nel server), username e password.

Un piccolo trucchetto che fa risparmiare un po’ di tempo senza mettere a discapito la sicurezza.

 

Bello no?

SSH. Tips and Tricks
Tag:             

Rispondi