Per chi bazzica con le stampanti 3D, è fondamentale conoscere le basi del Gcode (o linguaggio G). Il GCode viene inventato negli anni 60 e vennero inseriti nelle prime macchine automatizzate. E’ un linguaggio a istruzioni, ovvero ogni riga contiene un comando. Ogni stampa 3D nasce da un modello 3D. Lo slicer (cura, slic3r, ecc) converte questo modello in comandi che la nostra stampante può “capire”.

I Gcode possono essere letti con qualsiasi programma di testo come notepad o wordpad, io personalmente mi trovo molto bene con sublimetext, un editor molto potente e chiaro, in grado di leggere anche altri codici.

Raramente ci troveremo a scrivere GCode a mano, se non in sporadici casi ma capirne le basi ci aiuterà a capire le stampanti 3D. Di seguito una carrellata di comandi. I commenti vengono indicati dal ;

Quindi, in definitiva, ogni comando indica alla stampante cosa fare o dove andare. Chiaramente questo è l’1% delle potenzialità del gcode. E’ importante, secondo me, capirne le basi per capire le stampanti 3D.

Buon divertimento.

Gcode: che cosa sono?
Tag:             

Un pensiero su “Gcode: che cosa sono?

Rispondi

Error: Access Token is not valid or has expired. Feed will not update.
This error message is only visible to WordPress admins

There's an issue with the Instagram Access Token that you are using. Please obtain a new Access Token on the plugin's Settings page.
If you continue to have an issue with your Access Token then please see this FAQ for more information.